Smarrito da 6 mesi: ritorna a casa dopo il terremoto di Osaka.

La scossa di terremoto che nei giorni scorsi ha terrorizzato Osaka, in Giappone, causando cinque morti e oltre 500 feriti, ha avuto una piccola storia a lieto fine. Almeno per una famiglia di Kyoto che a sorpresa ha visto tornare il loro amato gatto domestico. A raccontare su Twitter la storia è uno dei componenti della famiglia: «Non so se sia stato a causa del terremoto, ma il mio gatto domestico che mancava da sei mesi finalmente è tornato a casa! Le sue zampe sono nero corvino. Ora sta mangiando moltissimo!. Grazie a Dio! Grazie Dio!». Dopo la sua scomparsa, alla fine dell’anno scorso, il gatto è stato avvistato in giro per il quartiere, ma l’uomo non era riuscito a trovarlo. I mesi sono passati senza alcun segno da parte del gatto fino a qualche settimana prima del terremoto quando erano ricominciati gli avvistamenti del micio.

 

Alla fine, come per controllare la sua famiglia, il gatto è tornato proprio nel giorno del terremoto. L’uomo ha voluto condividere sui social la storia e la sua gioia per averlo ritrovato in buona salute, ben nutrito e neanche troppo spaventato. L’unica cosa strana è apparsa a una delle orecchie a cui mancava una porzione a forma di triangolo.

Una cicatrice che non sembra derivare da qualche battaglia di strada con altri gatti, ma più un simbolo che alcuni gruppi usano quando catturano i randagi per sterilizzarli e rilasciarli liberi.

Ma quel che importa è che il gatto è tornato. Una piccola e grande notizia in un momento difficile per chi ha vissuto la terribile esperienza del sisma.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *