La cucciolata di San Valentino. E’ così che è stata ribattezzata a Overland Park, in Kansas, una famigliola di sette cuccioli randagi, nati tutti bianchi tranne uno. Cuccioli molto uniti e dipendenti uno dall’altro, presi in stallo da Holly, una volontaria del Purrfect Pets Cat Adoptions.

Essendo stato un parto «molto affollato», mamma gatta ha avuto bisogno di aiuto per nutrire i gattini. Holly si è presa cura di loro 24 ore su 24. E man mano che crescevano, ha capito che i due più piccoli, Coconut e Opal, e Yeti, avevano qualcosa di diverso dagli altri. «Essendo tutti bianchi abbiamo temuto che fossero sordi. E il tempo ci ha dato ragione». Per capire quanto fossero sordi, Holly ha fatto dei test «casalinghi» con «l’aspirapolvere. Quando erano tutti calmi, lo accendevo e vedevo chi trasaliva o correva: e tre su sette lo guardavano come se nulla fosse accaduto. Ho anche provato con dei giocattoli che facevano rumore, ma non si giravano o svegliavano». 

Poi la conferma. I tre gatti erano completamente sordi. Ma in compenso «sentono benissimo con il naso. Se apro una scatoletta, iniziano ad arricciare il naso anche mentre dormono». I tre gatti sono nati sordi, ma niente può rallentarli. Yeti è l’indipendente dei tre mentre Opal e Coconut sono assolutamente dipendenti l’uno dall’altro. E fortunatamente il loro legame speciale non verrà rotto, visto che saranno adottati in coppia. «Presto saranno pronti per l’adozione e scommetto che sapranno stupire i loro nuovi compagni umani con i loro incredibili sensi. Hanno un olfatto e una vista più acuti di ogni altro gatto, e questo li rende ancora più speciali». 

Fonte: Lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *