Il “The Daily Telegraph”, famoso quotidiano del Regno Unito, racconta la tristissima storia della gatta Pops.

La micia sarebbe incappata in un destino crudele, in particolare nessuno vorrebbe adottare questa micia a causa dei suoi occhi che incutono timore. Pops è una micia di 19 anni che è stata salvata dal ciglio di una strada in Inghilterra due mesi fa. Si è presentata ai soccorritori denutrita e malconcia, ma fortunatamente i volontari l’hanno raccolta e portata al centro di Midsomer Norton e Radstock, ramo della protezione gatti vicino a Bath, nel Somerset, Inghilterra. La gatta era in condizioni molto gravi, e faticava a recuperare le forze e a guarire anche a causa dell’età avanzata. Pops inoltre, come se non bastasse, è quasi totalmente cieca e proprio i suoi occhi sono il motivo dei tanti rifiuti ricevuti. Il colore è blu intenso, e i potenziali proprietari li trovano macabri e sinistri. Al contrario degli occhi comuni che hanno tutti i gatti, i suoi sembrano vuoti e inespressivi.
Ma quale colpa avrebbe la povera gatta? Belinda Dark, volontaria dell’associazione sogna una casa per Pops. “Sarebbe così bello vederla adottare da una famiglia amorevole. Pensiamo che sia stata abbandonata da un anziano proprietario che non poteva più prendersi cura di lei.

Pops

Nonostante i problemi di salute questa micia con tante primavere dietro le spalle ama essere coccolata e si trova bene con gli esseri umani. Pops è sicuramente il gatto più anziano che abbiamo ospitato nella nostra struttura”.
Di solito, i mici più anziani riescono a trovare una casa e una famiglia molto facilmente, ma per Pops questa regola non scritta sembra proprio non valere. Inoltre, nonostante la grande risonanza mediatica che la vicenda ha avuto sui social, nessuno sembra volersi occupare della gatta.
Una storia molto triste, non credete? Lasciate un commento! 

LEGGI ANCHE: Il gatto Gino è un re e presiede il consiglio comunale e 3 consigli di primo soccorso per gatti

 

fonte: amoremiao

One thought on “Pops, la gatta che non viene adottata “perchè fa paura””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *