Di diversa lunghezza e colore, più o meno fitto e alla base di alcuni miti piuttosto assurdi. Oggi vi presentiamo alcuni dettagli sul pelo del gatto che vale la pena conoscere.

Quali funzioni svolge il pelo dei gatti?

Quando un micio è sano e forte, sicuramente attrarrà l’attenzione per la bellezza del suo manto, morbido e lucente.

pelo del gatto

Ma il pelo del gatto non è lì solo per una questione estetica. Innanzitutto, è la prima protezione di questi animali di fronte a diverse aggressioni esterne (raggi UV, colpi, ecc.). Inoltre, agisce come difesa contro la disidratazione.

Ed è anche un isolamento termico, sia per il freddo che per il caldo. Per questo motivo, i mici cambiano gran parte del proprio manto quando le temperature sono più moderate (autunno e primavera).

Il pelo del gatto, al di là della bellezza che conferisce a questi animali, presenta una gran quantità di dati interessanti che è il caso di conoscere. Qui ve li presentiamo.

Alcuni dati interessanti sul pelo del gatto

Il manto dei gatti presenta altre notevoli particolarità. Prendete nota:

  • Serve per permettere all’animale di comunicare. Quando un gatto è infastidito o irritato, per esempio, rizza il pelo.
  • La sua lucentezza deriva dalle ghiandole sebacee, che svolgono anche una funzione protettiva contro gli agenti infettivi.
  • I cosiddetti gatti senza pelo in realtà hanno uno strato di pelo molto sottile, quasi impercettibile alla vista.

Informazioni sulla cura del pelo del vostro micio

Anche se la lingua del vostro amico che fa le fusa è il miglior strumento per la pulizia del suo pelo, è sempre meglio aiutarlo.

A seconda della lunghezza del pelo, potete spazzolarlo con maggiore o minore frequenza. Così contribuirete a

  • Eliminare il pelo morto e la sporcizia.
  • Evitare che si formino nodi.
  • Far sì che l’animale non ingoi troppo pelo.

Nel periodo della muta, i gatti possono ingoiare più della metà dei peli morti. È così che nel loro stomaco si possono formare le tanto temute palle di pelo che, se non vengono espulse dalla bocca, possono provocare ostruzioni intestinali.

False credenze sul pelo dei felini

Tuttavia, il pelo del gatto solitamente ha una pessima reputazione. Forse perché questi felini ne perdono molto. Chi ha dei mici può testimoniare che si trovano peli ovunque.

Ma, anche se quasi tutti pensano che il pelo di questi animali produca allergie, l’agente allergenico si trova nella pelle e nella saliva del micio.

D’altra parte, ci sono alcune false credenze che ancora molti ripetono come fossero verità. Quindi, affinché sia chiaro, il pelo del gatto:

  • Non trasmette fibrosi polmonare, toxoplasmosi né alcuna altra malattia.
  • Se si accumula negli occhi, non provocherà cecità.
  • Non rende sterili le donne.
  • Se lo si inghiotte, non provoca cisti né palle di pelo in nessuna parte del corpo.
  • Non provoca asfissia nei neonati.

Fate attenzione se il pelo del vostro gatto perde la sua lucentezza e morbidezza

Così come un pelo morbido e lucente indica un buono stato di salute del micio, se diventa opaco e sembra sporco, fate attenzione. È il segnale che qualcosa non va nel vostro animale.

I motivi sono da ricerca in:

pelo del gatto
  • Una dieta inadeguata. Consultate il veterinario riguardo al cibo più adatto da somministrare al vostro animale a seconda della sua età, dimensioni, livello di attività, etc.
  • Sovrappeso. Se l’animale è molto grasso, forse non riesce a leccarsi alcune parti del corpo.
  • Età. I gatti più vecchi perdono flessibilità e possono presentare qualche problema alle ossa che li fa desistere dal pulirsi in alcune zone troppo lontane dalla loro lingua.
  • Alcune malattie. Non ci riferiamo soltanto a problemi dermatologici. Può darsi che il micio non si senta bene perché ha una patologia grave e ha perso la voglia di leccarsi.

In ogni caso, consultate il veterinario, in modo che il micio risolva il problema di salute e torni ad avere un mantello soffice, lucente e bello.

LEGGI ANCHE: Come accarezzare un gatto e La Dieta BARF per gatti: cos’è, vantaggi e rischi

 

fonte: imieianimali.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *