Cani e gatti, e le famiglie che li ospitano, sono i più tassati. Lo denuncia la Lav, che sottolinea come le famiglie con animali domestici siano costrette a pagare il 22% di IVA su tutte le scatolette, crocchette e per le cure dei quattrozampe. Come se non bastasse, la detrazione fiscale delle spese veterinarie è davvero molto limitata; elevato, invece, il costo dei farmaci veterinari che è in media cinque volte maggiore rispetto al farmaco umano con lo stesso principio attivo.

Vivere con un animale domestico non deve più essere considerato un lusso: è questo il messaggio che Lav porterà in tante piazze a partire dal week end del 10 e 11 marzo, con replica nei fine settimana successivi. Per un Fisco non più nemico dei quattrozampe, per i diritti degli animali e delle loro famiglie sarà possibile sostenere questa campagna scegliendo l’uovo di Pasqua Lav: un dono goloso ma soprattutto con un significato importante per tanti cani e gatti, con il ricavato, infatti, finanzieremo progetti a favore dei randagi al Sud. Oltre all’uovo di Pasqua Lav, presso i tavoli i tavoli dell’Associazione sarà possibile ritirare una Guida pratica alla corretta convivenza con gli animali, con i consigli della Lav.

L’attuale sistema fiscale colpisce almeno 7 milioni di cani e 7,5 milioni di gatti che vivono in famiglia, ai quali vanno ad aggiungersi i tanti pet in canili, rifugi o randagi. Secondo l’indagine Eurispes 2018, il 32,4% degli italiani vive con almeno un animale domestico, ma la percentuale è in diminuzione di oltre il 10% rispetto al 2016. Secondo le stime LAV, inoltre, in Italia si è passati da 36.214 cani adottati nel 2015 a 33.166 cani nel 2016, con una flessione pari all’8,4% in un solo anno.

Il costo della vita per le famiglie rende sempre più difficile anche accudire un animale – spiega Ilaria Innocenti, responsabile LAV Area Animali Familiari – è un dato di fatto, in particolare per tanti nuclei con figli, a basso reddito o con un reddito da pensione, per questo chiediamo al nuovo Governo e Parlamento, alcune misure indispensabili per rendere più facile la vita con gli animali familiari, come i cani e i gatti: riduzione dell’IVA su cibo e cure; più detrazioni su spese veterinarie e farmaci meno costosi per gli animali familiari. Dal 10 marzo sarà possibile firmare la nostra petizione in tante tante città”.

Tre le richieste avanzate dalla Lav nella sua petizione per ‘Un fisco non più nemico dei quattro zampe’:

-La cancellazione dell’aliquota Iva su prestazioni veterinarie per animali adottati e la riduzione di quella su prestazioni veterinarie e cibo per animali non tenuti a scopo di lucro. Oggi invece si applica un’aliquota IVA del 22%, la stessa di alcuni beni di lusso, cifra ai massimi storici in Italia, come quella di Champagne e automobili.

-L’abbattimento dei costi sproporzionati dei farmaci veterinari, con il riconoscimento del farmaco generico anche in veterinaria e dell’uso del farmaco-equivalente. Il prezzo del farmaco veterinario, spesso ingiustificatamente alto rispetto gli equivalenti a uso umano, e quello delle prestazioni veterinarie, possono rappresentare degli ostacoli alle terapie, fino a pregiudicare, in alcuni casi, il diritto dell’animale a essere curato e il dovere di chi lo detiene a prestargli la dovuta assistenza. Oltre che per i cittadini, questi costi rappresentano un problema per il Servizio Veterinario pubblico, per i Comuni e per le Onlus e hanno come effetto l’aumento della spesa pubblica e un peggioramento complessivo della tutela degli animali.

-L’aumento della quota di detrazione fiscale delle spese veterinarie dei farmaci veterinari dalla dichiarazione dei redditi, rendendola totale per chi adotta un cane o un gatto. Oggi infatti queste spese sono detraibili entro il limite esiguo di 387,34 euro, con uno sconto massimo irrisorio di 49,06 euro, applicabile solo a chi spende più di 129,11 euro.

Si tratta di misure urgenti per una migliore convivenza, ma anche per favorire le adozioni e contenere di conseguenza il costo sociale, sulla collettività, di cani/gatti abbandonati – conclude la LAV – Prendersi cura dei Pet ha un valore sociale ed etico e per questo impegno andrebbe previsto un sistema premiante… non penalizzante!”.

SCOPRI DOVE FIRMAREhttp://www.lav.it/lav-in-piazza 

LEGGI ANCHE: Animali domestici in condominio: tutto quello che c’è da sapere sulla normativa e I cani e i gatti dei fumatori vivono di meno

 

fonte: quotidiano.net

One thought on “Le famiglie con cani e gatti sono le più tassate in Italia”

  1. LEGGE 14 agosto 1991, n. 281 Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 30 agosto 1991 1. Princìpi generali 1. Lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali di affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono, al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e lambiente. E’ illegittima l’ordinanza del sindaco che vieta ai cittadini di dare da mangiare a cani e gatti randagi. Dare dai mangiare agli animali randagi, abbandonando il cibo sulle pubbliche vie, non può considerarsi un illecito e pertanto l’ordinanza del sindaco che vieta questo comportamento va annullata. Questo lo dice la Giurisprudenza con più di una sentenza del TAR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *