Uno dei comportamenti più diffusi nei gatti è quello

di fare la pasta (o fare il pane): quel movimento con

le zampe anteriori che il gatto fa spesso sulla pancia

del suo umano. Ma perché lo fa?

Spesso vediamo i mici fare uno strano movimento: si mettono di buona lena e cominciano a muovere le zampe come se stessero impastando il pane. E di sicuro, altrettante volte, ci siamo domandati: perché fanno così?

Fare la pasta o impastare è un bisogno del cucciolo di gatto

Questo movimento è detto anche “danza del latte” ed è un comportamento che il gatto conserva da quando era cucciolo. Il gattino, infatti, fa la pasta sul ventre della madre, intorno al capezzolo, per stimolare la fuoriuscita di latte. Contemporaneamente fa le fusa, per segnalare alla madre che è contento.

Questo comportamento viene ripetuto anche dai gatti adulti, che non di rado “fanno la pasta” con le fusa anche sul loro proprietario umano: ciò rappresenta una regressione infantile e viene messo in atto quando il gatto si sente estremamente rilassato e sicuro con lui. In questi casi il gatto usa dei comportamenti molto chiari, per dire al proprio genitore umano “coccolami”: per capire correttamente se il tuo gatto vuole le coccole.

“Fare la pasta” troppo a lungo: segno di disagio del gatto

Ci sono gatti che fanno continuamente la pasta, per ore: in questo caso il gatto manifesta un disagio, è stressato da qualcosa nell’ambiente (altri animali, bambini, cambi di casa o di mobili) e cerca di auto-tranquillizzarsi in questo modo. Compito dei genitori umani è capire cosa c’è all’origine di questo disagio e cercare di risolvere il problema, in modo da tornare a vivere serenamente il momento delle fusa insieme al proprio gatto. Ricordiamo infatti che le coccole del gatto hanno effetti distensivi non solo su di loro, ma anche sugli umani.

Leggi anche: Perchè i gatti mangiano l’erba?  e Perchè i gatti amano dormire addosso ai loro umani?

 

fonte: petpassion.tv – focusjunior

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *