Lancelot ama esplorare il cortile e andare a passeggio con la sua umana Ana. In genere protegge il suo territorio contro gli intrusi e non è amichevole con gli altri gatti. «Quando un gatto passa nel nostro cortile li caccia via subito». Ma non Loki. Dopo essersi odorati a vicenda, sono diventati rapidamente amici. Hanno trascorso tutto il pomeriggio insieme e giorno dopo giorno sono diventati inseparabili. Lancelot non vedeva l’ora di vederlo spuntare per giocare insieme.

 

 

«Si rincorrono e poi si mettono a prendere il sole sotto il porticato». Si vede che Lancelot gli vuole proprio bene, passerebbe tutto il giorno insieme a lui. Allora Ana ha iniziato a seguirlo, per capire da dove arrivasse.

Ha iniziato ad indagare, a cercarlo per il quartiere. Finché non è arrivata ad una casa. «Ho bussato e mi ha aperto un uomo che non avevo mai visto. Non sapevo se ero nel posto giusto, ma l’uomo ha confermato che era proprio il suo gatto che stavamo cercando».

 

 

«Gli ho raccontato delle loro avventure insieme e come si divertivano l’uno con l’altro. E lui è rimasto contento di sapere che il suo Loki aveva trovato un amico su cui contare». Sono passati tre anni dal loro primo incontro e Lancelot e Loki sono diventati inseparabili. Si vedono tutti i giorni e non saltano mai un appuntamento. «Loki si presenta a metà mattina alla porta sul retro o sul davanzale e inizia a miagolare finché non gli apro».

 

 

E anche se non vivono nella stessa casa, i due gatti sono come in simbiosi. Gli piace fare le stesse cose allo stesso momento. E «ogni volta che è ora di tornare a casa, si salutano teneramente con un bacino».

 

fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *