Michael e suo figlio sono dei campeggiatori abituali. C’è un luogo ben nascosto dove amano passare il tempo all’aria aperta, lontano dalla confusione. Qui non hanno mai trovato nessuno. Ma la scorsa settimana hanno trovato un altro escursionista nel loro «posto speciale».

«Quando siamo arrivati c’era un gatto. Era molto magro e si trattava sicuramente di un randagio». Stupiti della insolita presenza, hanno fatto subito amicizia con l’amichevole felino alla ricerca di cibo. Il figlio ha iniziato a carezzargli la schiena. E il micio in risposta si è strusciato alle sue gambe, come se fossero vecchi amici. Padre e figlio hanno montato la tenda e poi si sono messi a pescare. «E abbiamo preso abbastanza pesce per la cena, il pranzo e anche per il gatto». E il micio era così felice per l’attenzione e l’amore ricevuto, che non smetteva più di ringraziare.

Poi, improvvisamente, terminata la cena, il micio è scomparso nella notte. E «un paio di ore più tardi ci siamo svegliati di soprassalto per i rumori che arrivavano da fuori la tenda. Ho acceso la torcia del cellulare, mi sono affacciato e ho visto otto occhi luminosi che mi fissavano», ha detto Michael.

Il gatto, anzi mamma gatta, era tornata portandosi dietro tutta la famiglia. Ha capito che era un posto accogliente e c’era abbastanza cibo per tutti, allora è andata a recuperare i micini lasciati al sicuro nel bosco per portarli con lei «in campeggio». Padre e figlio non potevano credere ai loro occhi. E la mattina dopo hanno avuto un motivo in più per rimettersi a pescare. Ma hanno voluto fare di più. La famigliola era così tenera e bisognosa d’aiuto che Michael ha deciso di caricarli tutti in macchina per portarli a casa. «E’ passata una settimana ormai. E io e la mia famiglia abbiamo deciso di adottarli tutti». Un bellissimo lieto fine, che celebra l’amore di una mamma che ha fatto di tutto per dare ai suoi cuccioli una vita migliore.

 

Fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *