Questo gattino randagio non trovava nessuno disposto a prendersi cura di lui, quindi a un certo punto ha deciso di gestire la faccenda in prima persona.

Leo, un bel micio tigrato, viveva per strada e si nutriva di ciò che trovava, fino a quando ha scoperto che nel quartiere c’era un giardino speciale. La proprietaria Burcu, una donna turca amante degli animali, si occupava dei trovatelli del vicinato e aveva allestito nel suo patio una sorta di buffet per animali. “Ci sono contenitori con cibo e acqua, per questo il mio giardino è così popolare tra i randagi della zona”. Leo ha iniziato a frequentarlo nel 2016, ma all’inizio era molto diffidente e non si fidava ad entrare, limitandosi ad osservare da dietro la staccionata del vicino. A un certo punto, però, non ha più resistito ed è diventato uno degli habitué del buffet.

«Un giorno, mentre stavo tornando a casa, è venuto verso di me per salutarmi. È un maschio molto tranquillo, con un carattere docile».

 

Burcu e i suoi colleghi volontari lavorano da anni con i gatti del quartiere, li sterilizzano e li curano, poi li rimettono in libertà nella colonia felina. Leo, invece, ha scelto un altro futuro. Burcu tiene sempre del cibo in macchina e tutti i gatti sanno quale è la sua auto. Per questo, quando le temperature hanno iniziato a farsi più rigide, Leo ha aspettato che lei aprisse la portiera ed è sgattaiolato in macchina. Le è saltato in grembo, ha esaminato l’ambiente circostante e poi si è accomodato come se quella fosse già diventata casa sua. Da quel momento, il gatto ha voluto salire in macchina ogni volta che lei si avvicinava e Burcu ha capito che Leo cercava qualcosa di più che un pasto quotidiano.

Allora Burcu ha deciso di affidarlo ad una ragazza di nome Yagmur, che era pronta ad accogliere Leo in casa propria. Quel giorno è stato un momento di gioia per entrambi e ora Leo non si deve più preoccupare per il cibo, ma fa le fusa in un caldo soggiorno con una nuova amica umana, proprio come voleva.
Fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *