Negli ultimi quattro anni un gatto ha deciso che il posto miglior dove poter stare era l’area attorno agli uffici degli agenti appartenenti alla Swat, reparto dei corpi speciali della polizia di Boston. Ne è nato un rapporto speciale con gli uomini che hanno deciso di chiamarlo Swat.

E per chi fa un lavoro così stressante e pericoloso, la presenza di un gatto assume un significato speciale: Swat è sempre pronto a dare loro un saluto quando tornano da un’operazione, così come ama strusciarsi e fare le fusa quando escono dagli uffici per farsi una pausa. Gli agenti hanno più volte cercato di dargli un tetto sopra la testa, ma lui si è sempre rifiutato. È un gatto randagio che ama godersi la sua libertà e indipendenza. Così hanno deciso di realizzargli una casa tutta sua.

«L’agente Jamie Pietroski, un veterano da 15 anni del dipartimento di polizia di Boston, per diverse notti è rimasto dopo il lavoro per realizzare la nuova casa del gatto Swat – raccontano i poliziotti -. Il “condominio” felino dispone di un ampio spazio interno, una grande terrazza per mangiare all’aperto e porte scorrevoli che offre una vista panoramica sulla città».

 

Un regalo che il gatto sembra apprezzare perché gli offre un riparo senza rinunciare alla sua indipendenza. Ma il sogno per i poliziotti è un altro: convincerlo ad accettare di entrare in una casa, con una famiglia che lo ami come merita.
Fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *