Un gatto persiano, che vagava per le strade dell’Egitto trascinando le zampe posteriori senza una meta, è stato trovato da un volontario di un’associazione animalista locale. Il ragazzo ha immediatamente pubblicato la sua foto e scritto un post su Facebook, che è stato visto dalla persona giusta. «Il post mi ha colpita subito – dice Athina – E abbiamo deciso di portare il gatto negli Stati Uniti per curarlo urgentemente».

 

Qui due veterinari avevano optato per l’eutanasia, ma Athina non era d’accordo: «Nonostante non fosse in grado di camminare, il gattino era allegro e faceva le fusa – dice – non sapeva di essere diverso, e non potevo pensare che per lui non ci fossero più speranze». Quindi ha contattato un terzo veterinario dell’Oradell Animal Hospital, che ha deciso di operarlo: «Ha fatto un intervento per stabilizzare la spina dorsale», prosegue.

 

 

Durante la fisioterapia aveva ancora voglia di giocare, e dopo molti trattamenti e visite veterinarie in due mesi è completamente guarito. «Adesso è un gattino felice, e sto cercando per lui una sedia a rotelle». Nel frattempo è stato dato in adozione provvisoria, e ben presto potrà essere adottato in maniera definitiva. Aggiunge: «Il micio è arrivato negli Stati Uniti per essere operato e avere una vita migliore. Ha superato molti ostacoli, e se oggi sta bene è perché nessuno di noi si è mai arreso».

 

fonte: lastampa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *