Un gatto scalatore. Non ce l’ha fatta ad arrivare sino alla vetta, ma la sua impresa rimarrà comunque nella storia. Un alpinista russo Andrey Ostanin ha addestrato il suo gatto Graf ad abituarsi alle condizioni alpine per tentare un’impresa unica: scalare la montagna più alta d’Europa con il suo animale domestico. Un sogno sfumato a causa di una tempesta, che ha fermato la spedizione a sei zampe ad un soffio dalla vetta.

 

 

L’avventuroso gattino ha affrontato con il suo proprietario il Monte Elbrus: 5.642 metri d’altezza sulla catena del Caucaso, al confine tra Russia e Georgia. La spedizione è partita dalla città di Nizhny Tagil e per affrontare il viaggio Graf era dotato di uno speciale termo-vestito che gli avrebbe permesso di non congelare.

Il sogno di Ostanin è iniziato quando «ho sentito la storia di un gatto che aveva conquistato l’Himalaya, ma si trattava di un felino locale, che era nato lì. Questo è il motivo per cui ho deciso di fare questo viaggio insieme a Graf, per farlo diventare il primo gatto alpinista», ha confessato.

 

 

«Era preoccupato che Graf avrebbe potuto soffrire di mancanza di ossigeno, ma non ha mai mostrato segni di mal di montagna». La maggior parte del viaggio l’ha affrontata all’interno dello zaino. E quando voleva sgranchirsi le gambe c’era il guinzaglio di sicurezza. «Durante le notti più fredde lo tenevo stretto a me. Tuttavia, Graf non apprezzava e continuava a cercare di uscire dal sacco a pelo».

 

 

La scalata è andata nel migliore dei modi. Sino a quando le condizioni meteorologiche non sono peggiorate  improvvisamente. «Abbiamo perso un thermos e siamo rimasti solo con una bottiglia d’acqua. Ci avremmo messo altre 12 ore per raggiungere la vetta, ma saremmo potuti finire in grave disidratazione. Allora ho deciso di abbandonare».

 

Fallita l’impresa, Ostanin ha premiato il suo micio con una vacanza di due settimane in una località balneare della Crimea. Un po’ di riposo, prima di programmare la prossima avventura.

 

fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *