La metropolitana di Londra è stata invasa dai gattini.

Ma attenzione, non è come sembra: se prenderete i mezzi del trasporto pubblico sotterraneo della capitale inglese non dovrete dividere il posto con qualche felino, non è un’invasione di questo tipo. I gatti di cui parliamo sono quelli stampati su cartelloni che sono andati a sostituire quelli delle pubblicità che di solito si vedono in metropolitana. Un’idea molto particolare, che ha avuto un grande successo: ed è per questo che noi ve la raccontiamo.

Invasione di gatti a Londra...
Invasione di gatti a Londra…

Cats, acronimo di Citizens Advertising Takeover Service, è un collettivo creativo che, ovviamente, ama i gatti: un po’ di tempo fa ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma online Kickstarter, al fine di sostituire gli annunci pubblicitari nella metropolitana di Londra con altrettante fotografie di gatti.

Un progetto davvero molto particolare, che però è stato gradito dagli utenti della rete, che hanno permesso all’iniziativa di raccogliere più di 27mila euro. I cartelloni con i faccioni dei gattini sono già stati affissi e da lunedì tutti i frequentatori della metropolitana di Londra che sono passati dalla stazione di Clapham Common sono stati salutati da tanti gattini stampati. Questa iniziativa durerà per due settimane.

Ecco come appare la stazione di Clapham Common
Ecco come appare la stazione di Clapham Common

Più gattini per tutti, insomma!

Ma perché occupare tutti gli spazi pubblicitari della tube e invaderli letteralmente con svariate immagini di gatti?

gattiPer dire un sonoro BASTA! alle pubblicità. O meglio, per porre l’attenzione sul grande potere che ormai le pubblicità hanno ed esercitano, e quindi, uninvito ad usarlo eticamente, incoraggiando valori positivi che vadano a rafforzare e tutelare il bene comune, la società. Una pubblicità che sia creativa, costruttiva, d’ispirazione,  che permetta ai singoli individui di vedere il mondo anche da un’altra prospettiva, con occhi diversi. Un marketing che non focalizzi le proprie strategie pensando esclusivamente al profitto ma anche ai singoli cittadini. Questo il pensiero che è alla base di questa campagna e del suo ideatore, James Turner.

L’iniziativa è stata lanciata attraverso una campagna di crowdfunding presso la piattaforma Kickstarter. Il successo è stato immediato. Più di 30mila immagini raffiguranti gatti sono arrivate da parte degli utenti di internet. Da queste, sono state selezionate le immagini dei gatti che ora si trovano ad occupare i 68 manifesti che rallegrano la stazione della tube di Clapham Common. Molti di questi protagonisti felini sono abbandonati e presi in cura dalle organizzazioni di volontariato inglesi “Battersea Dogs and Cats Home” e “Cats Protection”.

Un ulteriore obiettivo di questa iniziativa è, infatti, quello di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo a queste tematiche facendo in modo che questi animali possano trovare presto una famiglia che si prenda cura di loro e che possa adottarli.

Insomma, invece di promuovere l’ultimo modello di smartphone, è consigliabile e socialmente più utile impiegare quello spazio pubblicitario per sensibilizzare la collettività all’adozione di un animale a cui si possa fare del bene e riceverne altrettanto se non di più.

Inoltre, ogni utente che ha partecipato alla campagna inviando l’immagine del proprio amico felino, ha donato anche una sterlina. Ciò ha permesso all’iniziativa di raccogliere 23mila sterline e di finanziare così il progetto C.A.T.S, acquistando gli spazi pubblicitari della tube e di occuparli per circa due settimane con la speranza che alcuni di questi gatti, protagonisti della campagna, riescano a trovare presto una casa.

Un’iniziativa curiosa, creativa, un po’ folle, proprio come la città che la ospita.

fonti:bigodino  ultimavoce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *