Ci sono comportamenti nostri abituali che letteralmente mandano fuori di testa i gatti. Determinati tipi di atteggiamenti e attenzioni che a noi paiono normali e piacevoli, forse non lo sono così tanto per i gatti e questo può far impazzire il gatto. Questo perché abbiamo codici di comportamento differenti. Se riuscite a bloccarvi prima di mettere in atto tali comportamenti, ecco che eviterete di sconvolgere il vostro gatto per il 98% del tempo:

  1. toccargli i polpastrelli: ai proprietari piace toccare i polpastrelli del gatto, ma considerate che usano le unghie per difendersi, quindi se toccate i polpastrelli potreste innescare un riflesso del tipo “lotta o fuga”. Bisogna abituarli gradualmente a sottostare a questa manovra. Oppure accarezzateli altrove
  2. la mancata pulizia della lettiera: i gatti odiano avere una lettiera sporca e puzzolente, il che tradotto a volte vuol dire che anche un’unica pipì può dargli noia. Pulirla una volta a settimana? Pura utopia. A voi piacerebbe andare in un bagno che viene pulito una sola volta a settimana e in cui l’acqua non viene mai tirata? Poi non stupitevi se il vostro gatto comincia ad urinare ovunque
  3. la noia: state fuori casa tutto il giorno, poi quando tornate siete stanchi e non avete voglia di giocare con il gatto. E così il gatto comincia a distruggere casa. Non lo fa per dispetto, ma sta cercando di dirvi che si annoia, che interagite poco con lui e che la casa è priva di stimoli. Il gatto è un cacciatore, ha bisogno di essere mentalmente impegnato durante il giorno: dovete fargli fare qualcosa durante la giornata altrimenti comincerà a trovarsi lui qualche cosa da fare
  4. spostarlo quando dorme: sua maestà felina non gradisce essere spostato e ricollocato quando dorme. Aspettatevi come minimo uno sguardo omicida se provate a spostarlo da quell’angolo di divano che per adesso è il suo letto preferito. Dorme sempre nei posti in cui state voi o dove lavorate in casa? E’ un onore, sente il vostro odore lì e si sente più tranquillo
  5. le prolungate assenze: spesso quando si sta parecchi giorni lontani da casa, quando si torna ci si trova di fronte a un gatto che ci ignora. E’ il suo modo per farci capire che non ha gradito la nostra assenza. Prima di partire lasciate in giro anche in vari posti indumenti col vostro odore in modo che possa sentire la vostra presenza anche quando non ci siete

 

fonte: petsblog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *