Un legame incredibile, quello che unisce la piccola Claudia al suo gatto, Cursor.Lei ha soli 5 anni e anche se ormai non lo vedeva da tre, non ha mai dimenticato il cucciolo di casa: un batuffolo bianco con macchie nere. La famiglia di Vancouver, in Canada, aveva perso ormai ogni speranza. Eppure è accaduto un piccolo miracolo.

Per Claudia, il micio era quasi un orsacchiotto: la sua coperta di Linus, con cui dormiva, ha imparato a gattonare e poi a camminare. E anche se un giorno non ha più fatto rientro a casa, la bimba non ha mai smesso di sperare di vederlo riapparire dalla finestra. «Cursor era nella nostra famiglia da prima che Claudia nascesse – racconta la madre, Kara -. Con lui è cresciuta. Giocavano insieme in cortile e lui si faceva coccolare e abbracciare. Erano inseparabili».

 

Inevitabile la disperazione di Claudia, quando ha scoperto che il suo migliore amico non c’era più. La famiglia racconta di aver fatto di tutto per ritrovare il gatto, ma senza risultati. E ogni volta che la bimba «piangeva per lui, ripubblicavo l’appello su Facebook. Sono così contenta di averlo fatto!», confessa la donna, ancora incredula: «Grazie all’ultimo post pubblicato a giugno, siamo riusciti a rintracciarlo».

 

Cursor si trovava nel gattile Bc Spca di Nanaimo e la famiglia ha deciso di organizzare una bella sorpresa a Claudia. Senza anticiparle niente, sono andati a riprenderlo e hanno registrato l’emozionante incontro fra i due. «Mi sei mancato così tanto», ha esclamato la bimba, appena lo ha riconosciuto.Ora, dopo tre lunghi anni, sono finalmente tornati insieme. Cursor è stato un pensiero fisso per Claudia, l’unica in famiglia a non aver perso la speranza e a dire che, prima o poi, il gatto sarebbe tornato a casa. E quel giorno finalmente è arrivato.

Fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *