Uno spirito materno che dovrebbe essere d’esempio per molti umani. È quello dimostrato da una gatta che, sebbene con le zampe paralizzate per le botte ricevute, è riuscita a tornare dove aveva lasciato i suoi cuccioli. Tutto ha avuto inizio lo scorso mese quando Dee Walton, proprietario del Sawyers Gully Animal Rescue, ha ricevuto un messaggio sulla segreteria telefonica: una donna diceva di aver nutrito una gatta randagia e i suoi cuccioli nel suo cortile, ma che il suo vicino aveva ucciso la mamma felina.

 

Prima che l’uomo riuscisse a intervenire, la storia ha avuto una svolta importante:in realtà la gatta era sopravvissuta alle botte ricevute, ma era rimasta paralizzata delle sue zampe posteriori. Nonostante questo Princess, come è poi stata chiamata, è riuscita a trovare le forze per trascinarsi sino al punto dove aveva lasciato i suoi piccoli.

 

La famiglia felina è stata poi affidata alla protezione animali che però, considerate le condizioni della gatta, l’avrebbe separata dai piccoli. Una decisione che Walton non è riuscito ad accettare: nonostante i problemi di Princess, e l’impegno che richiedono, Walton ha deciso di accogliere tutta la famiglia nel suo rifugio. Il giusto riconoscimento per la “mamma coraggio”.
Fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *