Quando Twinkle è sparita, con una zampa ferita, i suoi proprietari hanno temuto di non rivederla più. Ma non avevano fatto i conti con l’altra gatta di casa, Purdy, che come le migliori delle eroine si è lanciata in una missione speciale e ha riportato a casa il suo amico felino. Twinkle, una gatta di sette anni, si era allontana di casa. Inutili le ricerche, i volantini lasciati nei negozi o in giro per Gorleston, una città di circa 6mila abitanti nella contea del Norfolk (Regno Unito).

 

A un certo punto anche Purdy è scomparsa lasciando i coniugi Moore ancora più sconcertati: «E’ ancora più strano, perché Purdy non si allontana mai da casa. Siamo andati fuori di casa, abbiamo chiesto a molta gente. Sembrava quasi uno scherzo».

Ma poi è arrivata la buona notizia: «Giorni dopo stavamo dando da mangiare agli altri gatti di casa e ci dispiaceva vedere due cucce vuote – racconta Wendy Moore -. Così sono andata sul retro e ho chiamato Purdy e a mia sorpresa lei è spuntata da dietro una siepe. Ma invece di fermarsi, si è diretta verso il cancello di casa e ha iniziato a graffiarlo come se volesse uscire. Dato che lei si è sempre dimostrata molto intelligente e attenta al benessere degli altri mici di casa, mio marito ha deciso di seguirla e di provare a chiamare Twinkle». E proprio in quel momento la gatta scomparsa si è fatta sentire, praticamente senza forze, da sotto un’auto parcheggiata.

«Senza Purdy non ci sarebbe mai venuto in mente di provare a chiamarla. Siamo convinto che lei sia spuntata per farci sapere che Twinkle era lì fuori. E non solo, crediamo che l’abbia cercata per tutto il giorno e l’abbia riportata a casa». Ora Twinkle, dopo un buon trattamento anti-infiammatorio, sta meglio e si gode la sua convalescenza con la sua eroina.

 

Fonte: lastampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *