Attenti ai gatti. Il cartello, con tanto di silhouette felina, sta nei cortili secondari del Museo Hermitage, a San Pietroburgo.

fc7d2455-aeae-4173-bfab-d344c7ebd4a8

Nei sotterranei dell’Hermitage vive una colonia di gatti  e nessuno si sogna di cacciarli via. Al momento sono circa una settantina, scorrazzano nei lunghi corridoi che fanno tanto passaggio segreto, si accoccolano sui tubi, ronfano vicino alle caldaie e tengono bene a bada i topi.

La signora Tatiana Danilova, responsabile dei servizi di sicurezza del museo, è a capo del team che si occupa tutti i giorni di dare loro da mangiare, tenere in ordine il rifugio e verificarne lo stato di salute, oltre alle visite regolari di una veterinaria. Fin qui, niente di strano: sostituire la moderna derattizzazione con un piccolo esercito di mici è una soluzione di buon senso.

Il fatto è che tutti, in città, li tengono in massima considerazione. Tanto  da convincere i vertici dell’Hermitage a creare un vero e proprio Cat Day, una giornata all’anno in cui il pubblico s’infila sotto le stanze che accolgono i Velásquez, Caravaggio o Matisse  e in cui i felini sono le star incontrastate.

Come le star, decidono loro se concedersi o meno a una foto, dei più timidi si intravvede magari un orecchio o la coda, gli altri controllano il traffico dalle cucce sopraelevate, create dai loro custodi, con l’artiglio pronto a graffiare chi, come me, osa avvicinarsi senza regolare invito.

a1e6710b-fd8d-4fe5-90bd-c93e1d625abc add03d84-906e-4b38-93a3-c433057a6b18 763c7d9e-5edb-4448-a1c7-8883ddc316f6 67d1b74f-7266-4585-b288-b26db0c52746

«I gatti all’Hermitage ci sono praticamente da sempre», spiega Maria Haltunen, braccio destro del direttore Michail Piotrovsky, «anche se su piani differenti». I primi miagolii risalgono all’inizio del XVIII secolo, quando Pietro il Grande (fondatore di San Pietroburgo, nel 1703) portò con sé un felino di ritorno da un viaggio in Olanda. Sua figlia, l’imperatrice Elisabetta fece di più, promulgando un editto in cui ordinava di mandare a corte i migliori micioni per la caccia ai topi di Kazan, in Tatarstan. «Chiunque abbia in casa un esemplare del genere, si renda noto così da organizzare al più presto la spedizione dell’animale alla cancelleria provinciale», recitava il decreto, sancendo lo status dei gatti come guardie dei quadri raccolti nelle gallerie del palazzo, voluto proprio dalla zarina come dimora regale.

«In realtà, quei gatti erano tutti maschi castrati, perciò senza discendenza», racconta Haltunen, «da lì in poi, però, si prese l’abitudine di regalare un micio a tutti i bambini della famiglia imperiale, non appena raggiungevano l’età per prendersene cura. Gli zar li amavano molto, anche se, con lo scoppiare della Rivoluzione d’Ottobre, nel 1917 si trovarono costretti a fare una scelta». Con l’abdicazione di Nicola II e la conseguente detenzione, la famiglia Romanov dovette decidere se farsi accompagnare dai gatti o dagli altrettanto regali cani.

«Optarono per i cani, cui cui condivisero la morte. Soltanto uno si salvò, finendo in Inghilterra e tra i cadaveri della fucilazione di Ekaterinburg furono trovati anche i corpi dei cagnolini di di Anastasija e di Tat’jana». Ai mici imperiali, andò meglio. Alcuni si mescolarono ai più prosaici felini delle cantine, altri furono presi da anime buone, che si occuparono di loro per poi riportarli all’Hermitage una volta calmata la situazione.

Lenin non aveva niente da obiettare sulla loro presenza e solo la Seconda Guerra Mondiale li mise di nuovo in pericolo.«L’assedio dei tedeschi, durato dal settembre del 1941 al gennaio del 1944, aveva quasi piegato la città e falciato i gatti», aggiunge Maria. Leningrado era invasa dai topi ed ecco che, di nuovo, partirono dei treni con un bel carico di fusa. «Arrivarono due convogli, uno dalla Siberia e l’altro dalla Russia Centrale. I proprietari di gatti avevano deciso di donarli a Leningrado, in segno di solidarietà». Dopo di che,non è passato giorno senza almeno un micio all’Hermitage.

Oggi, naturalmente, i pelosi non accedono alle sale del museo, ma da un po’ di tempo a questa parte le loro rappresentazioni sì. «I gatti sono diventati una parte molto importante della vita dell’Hermitage e una delle sue leggende più significative», spiega il direttore Piotrovsky. Una quindicina di anni fa, i dipendenti avevano organizzato una piccola mostra interna per rendere omaggio ai cari Romeo del sottosuolo con delle foto.

«Doveva essere una piccola festicciola tra di noi, solo che, non si sa come, la voce è arrivata all’esterno. La gente ha iniziato a chiederci di potere partecipare», ricorda ancora divertita Maria. «Eravamo tutti stupefatti, non ci aspettavamo tanta curiosità nei confronti dei nostri gatti da parte della città. Èstato l’affetto delle persone a convincerci a organizzare il Cat Day».

In un giorno di primavera la corte principale del Palazzo d’Inverno diventa teatro per la consegna di un premio di pittura molto particolare. Gli alunni di tutte le scuole di San Pietroburgo sono invitati a trasformare in un dipinto o in un disegno la loro visione dei gatti dell’Hermitage. I più meritevoli vengono, poi, esposti per due settimane nell’area del grande scalone centrale del museo, con la dicitura utilizzata per tutte le opere presenti all’Hermitage e con cui verranno riconsegnati, alla fine dell’allestimento. Mentre tutti gli altri selezionati vengono appesi proprio nei corridoi dove vivono i gatti.3483d8c7-a9a2-4921-8e2e-fb82985bda19

d7559d30-792c-4f76-ab36-8daac327fd9a 2a7104dc-8e84-4a2f-8532-eaddf56991c0

 

Fonte: vanityfair

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *