Molti di noi si sono ritrovati a combattere il fastidioso problema dell’odore pungente di urina del gatto.
Soprattutto quando il gatto non è sterilizzato, ha la sgradevole abitudine di “spruzzare” gocce di pipì in luoghi della casa o su oggetti\abiti che ritiene abbiano un odore fastidioso e\o “pericoloso”: per qualche ragione, necessita di marcare il territorio.
Questo comportamento, per quanto relativo all’indole del vostro gatto, non può essere accettabile in casa.
Nel frattempo troviate una soluzione a questo comportamento del vostro felino,  ecco di seguito qualche consiglio per risolvere almeno il problema dell’odore sgradevole e pungente.
Innanzitutto, procuratevi uno spruzzino per le piante e riempitelo con normale aceto bianco di vino: in questo modo potrete spruzzare l’aceto nei punti dove il vostro gatto ha urinato. Lasciatelo, dunque, agire anche per qualche ora e poi lavate il punto con acqua e detersivo.
Se anche dopo questa pratica l’odore dovesse persistere, rifare il procedimento, lasciando agire, magari, per più tempo l’aceto. Probabilmente, infatti, precedentemente avete lasciato  agire l’aceto per troppo poco tempo.
Sempre l’aceto è efficace per togliere l’odore su vestiti o tessuti, prima del lavaggio. Sconsigliamo, tuttavia, di trattare con l’aceto tessuti delicati.
Per la lettiera del vostro amico, invece, se non riuscite a controllare l’odore dei bisogni quotidiani del gatto, è utile spargere del bicarbonato sul fondo prima di aggiungere la sabbietta. Grazie a questo semplice accorgimento riuscirete a controllarne i cattivi odori, oltre che igenizzarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *