Storie di animali che si trovano a salvare la vita di propri fratelli, di bestie d’altra specie o addirittura dell’uomo, s’incrociano ormai con una certa frequenza.

Certamente più difficile incrociare storie di gatti eroi. Diciamo la verità: il gatto è ben lontano dalla temerarietà, anzi è un fifone nato che avanza con una cautela meritevole di ben altra situazione di fronte a una scatola vuota. Sia mai ci sia un nemico dentro. Non fatevi impressionare dalle «urla» che sentite in strada nottetempo: si tratta di rese dei conti farsesche, accompagnate da versi che paiono implicare stragi di gatti, mentre in realtà sono commedie napoletane che ruotano attorno a una femmina contesa o a un territorio varcato con una zampa di troppo.

Per questo, la storia di Masha stupisce e commuove allo stesso stempo.

La storia di Masha, un gatto randagio, si svolge nella città di Obninsk, nella regione di Kaluga (Russia) dove, un sabato mattina, un bambino è stato abbandonato da una o più persone senza alcuno scrupolo, nell’ingresso di un condominio. In questi giorni in quella zona la temperatura scende ben oltre sotto lo zero, talvolta anche di venti e più gradi. Il bambino, per fortuna ora perfettamente in salute, è stato abbandonato con una tutina e un pacchetto di pannolini come «dote».

Quando uno dei residenti ha sentito «miagolare» intensamente, pur abitando al terzo piano, ha preso le scale ed è sceso seguendo i versi di quello che credeva fosse un gatto sofferente.

Nadezhda Makhovikova sapeva che c’era un gatto nell’atrio cui era stato concesso di dormire in una scatola di cartone. Quando si è avvicinato ai «versi» ha visto che non provenivano dal gatto, ma dal piccolo che peraltro era avvolto dal mantello del felino il quale provvedeva anche a leccarlo come fosse un suo cucciolo. «Senza il calore sprigionato da quel gatto- hanno detto i paramedici immediatamente sopraggiunti sul posto-il bambino non ce l’avrebbe fatta».

La televisione russa Ren Tv ha ripreso tutta la scena e si vede il gatto che corre dietro ai paramedici e all’ambulanza miagolando, quasi non volesse abbandonare quella giovane vita salvata.

Ora Masha dorme nella sala condominiale riscaldata e riceve numerose visite ogni giorno di persone che la ringraziano con vari dolcetti.

 

 

 

 

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/politica/super-gatta-salva-neonato-abbandonato-freddo-polare-1083593.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *